fbpx

Aquaplaning: sai come evitarlo durante la Guida sul Bagnato

 Aquaplaning: sai come evitarlo durante la Guida sul Bagnato

L’aquaplaning si verifica quando le gomme del tuo veicolo iniziano a galleggiare sullo strato d’acqua anziché aderire alla superficie della strada.

Contrariamente alle convinzioni della maggior parte degli automobilisti, l’aquaplaning può verificarsi anche quando le strade sono solo leggermente umide se la velocità è troppo alta. Quindi sia che tu stia guidando sotto una pioggia torrenziale sia su strade appena umide, presta particolare attenzione a non eccedere con la velocità, la guida sul bagnato deve essere più lenta e delicata! L’aquaplaning infatti non solo impedisce al conducente di guidare la propria auto in maniera precisa, ma provoca addirittura una totale perdita di controllo dell’auto. Ve lo assicuriamo: è un’esperienza terrificante anche per il conducente più esperto.

Evitare l’aquaplaning non è così difficile se ne conosci le ragioni. Ci sono diverse cose che puoi tenere a mente durante la guida sul bagnato e che ridurranno le tue possibilità di perdere il controllo della tua auto.

Soprattutto se, non vivendo in zone eccessivamente piovose, non monti “pneumatici pioggia”.

aquaplaning guida sul bagnatoLa ragione che causa l’aquaplaning è abbastanza facile da comprendere: il battistrada degli pneumatici è dotato di scanalature che fungono, tra le altre cose, da canali per drenare l’acqua presente sull’asfalto. Sono progettati per drenare una quantità d’acqua prestabilita, dovendo rappresentare un compromesso tra guida sull’asciutto e guida sul bagnato. Superato tale limite di drenaggio il battistrada, e quindi l’auto, comincia a galleggiare. Tale limite è ovviamente stabilito in quantità d’acqua al secondo, quindi il limite viene raggiunto o all’aumentare della quantità d’acqua o all’aumentare della velocità. Più è alta, più strada si percorre in un secondo, più acqua le ruote devono drenare.

Chiaramente i cosiddetti “pneumatici pioggia” sono studiati per drenare una maggiore quantità d’acqua. Tramite scanalature più ampie e profonde nel battistrada facilitano la guida sul bagnato.

Leggi i 5 suggerimenti e seguili la prossima volta che guidi su una strada bagnata:
Come prevenire l’aquaplaninggommeJohnpitstop ADV rett

1 Riduci la tua velocità

La maggior parte degli esperti di sicurezza automobilistica concordano sul fatto che l’aquaplaning è più probabile che si verifichi a velocità superiori a 60 km/h. Non appena le prime gocce colpiscono il parabrezza, rallenta notevolmente la velocità. È meglio guidare 10 o anche 20 km/h più lentamente del limite di velocità, anche meno in caso di pioggia battente o condizioni ventose. Evita inoltre accelerazioni improvvise.

2 Ruota e bilancia correttamente e regolarmente gli tuoi pneumatici

Mantenere il consumo degli pneumatici uniforme tra gli assi contribuirà anche a prevenire l’aquaplaning dell’auto su strade bagnate. Si consiglia di far ruotare e bilanciare gli pneumatici del veicolo circa ogni 10/12000 km.

3 Scegli pneumatici pioggia progettati per prevenire l’aquaplaning

Questo è particolarmente importante per gli automobilisti che vivono in aree del paese con piogge frequenti. Fai manutenzione alle gomme e sostituisci gli tuoi pneumatici prima che il grado di usura ne faccia delle “slick”. Guidare su pneumatici consumati può essere ancor più pericoloso sulle strade bagnate.

4 È pericoloso avere il controllo della velocità di crociera (cruise control) durante la guida sotto la pioggia.

Non utilizzare mai la funzione cruise control del veicolo mentre piove o mentre si guida su strade bagnate. Se dovesse iniziare il fenomeno dell’aquaplaning mentre si guida con il cruise control attivato, ci vorrà del tempo aggiuntivo per disabilitare la funzione prima di iniziare a riprendere il controllo del veicolo. Oppure bisognerà frenare per disabilitarlo più velocemente: cosa che potrebbe essere ancor più pericolosa facendo perdere del tutto il controllo dell’auto.

5 Evita le pozzanghere e l’acqua stagnante.

Cerca, nei limiti del possibile, di evitare le aree della carreggiata in cui noti dei ristagni d’acqua. Basta un piccolo strato di acqua per causare l’aquaplaning. Se si può effettivamente vedere acqua stagnante, è altamente probabile che il battistrada perda aderenza.

A volte l’aquaplaning si verifica a prescindere dalla prudenza del guidatore. Se il tuo veicolo inizia a “galleggiare” su una superficie stradale bagnata, bisogna mantenere la calma per riprendere il controllo.

Come riprendere il controllo dell’auto durante l’aquaplaning?

1 Alleggerisci immediatamente il piede sull’acceleratore, ma non usare mai i freni per rispondere all’aquaplaning. Una brusca frenata su una strada bagnata può far sbandare completamente la macchina.

2 Sebbene possa sembrare contraddittorio, ruota delicatamente il volante nella direzione che la tua auto prende durante aquaplaning. Ciò aiuterà le tue gomme a riallineare la direzione del tuo veicolo e ti aiuterà a riprendere il controllo dello sterzo.

3 Aspetta di sentire il battistrada “ricollegarsi” alla superficie della strada. E’ molto evidente per il guidatore quando questo avviene: lo sterzo ricomincia ad avere consistenza.

Ricorda che l’aquaplaning può verificarsi in un istante, quindi se percorri spesso strade bagnate prendi in considerazione gli pneumatici pioggia!


Articoli Correlati

Fai un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.