fbpx

Pneumatici ribassati: perchè in Formula 1 non li usano?

 Pneumatici ribassati: perchè in Formula 1 non li usano?

Pneumatici da 18″ Pirelli GP2

Pneumatici Ribassati: a parità di impronta a terra del battistrada sono migliori?

gomme ribassate
gomme ribassate stradali

Molti appassionati di motorsport si chiedono perché mai in formula 1 (e non solo) si usi ancora una spalla pneumatico altissima e cerchi da 13”. E’ una scelta tecnica? E, se sì, perché su strada le gomme hanno un diametro sempre maggiore ed una spalla sempre più bassa?

Ci vien da dire che la verità sta nel mezzo! Spieghiamoci.

A parità di impronta a terra del battistrada e di diametro totale della ruota la maneggevolezza aumenta col diminuire dell’altezza del fianco della gomma. Il motivo è abbastanza semplice: per quanto un fianco possa avere una struttura rigida, in curva tende a deformarsi. E tanto più è ampio, tanto maggiore sarà la deformazione. Questo chiaramente in un “mondo ideale”, abbiamo voluto semplificare al massimo. Perché sappiamo tutti che la struttura di uno pneumatico da corsa è diversa da una gomma stradale, seppur sportiva.

Quindi, in base a quello che abbiamo detto, meglio pneumatici ribassati il più possibile!?

webpneumatici ADV SQNon proprio! Ricordiamoci sempre che stiamo ragionando a parità di diametro totale della ruota, perché il diametro in sé aumenta la prontezza dell’avantreno ed in generale migliora la tenuta di strada. Quindi abbassare la spalla significa aumentare il diametro del cerchio. E l’aumento di diametro di calettamento di un cerchio in lega, per quanto tecnologico, aggrava il peso molto di più del risparmio ottenuto grazie alla riduzione di spalla della gomma. E le masse non sospese influiscono tantissimo sulle prestazioni di un’automobile!

C’è anche da considerare un altro aspetto: una gomma con spalla molto ampia ha anche una funzione “ammortizzante”. In pratica, soprattutto in ambito motorsport, gli schemi e le geometrie delle sospensioni dovrebbero essere ampiamente modificati, per non dire rivoluzionati, per passare da pneumatici a spalla alta ad altri ribassati.

Ed aggiungiamo anche un ultimo tema: in caso di cerchi di diametro più ampio si libererebbe spazio per dischi freno molto più grandi. Ed aumentare il potere frenante significa anche aver bisogno di minor freno aerodinamico. Quindi probabilmente anche l’aerodinamica dell’auto verrebbe rivoluzionata!

Tutto quanto sopra, ed anche di più, non è solo tema di chiacchiere da bar. Da tempo si discute nel mondo delle gomme su questi aspetti.

I due produttori di pneumatici più “interessati”, Pirelli e Michelin, hanno punti di vista ben diversi.

Michelin vorrebbe pneumatici ribassati in tutte le categorie del motorsport. Tanto che partecipa alle competizioni le cui auto montano profili ribassati (soprattutto ruote coperte). E cita come principale punto di disinteresse per la formula 1 proprio il fatto che usi ancora dei 13” da decenni. Il motivo ufficiale è che le tecnologie sviluppate per le ruote ribassate da competizione sono trasferibili sulle gomme stradali (in effetti i Michelin Pilot adottano tecnologie sviluppate a Le Mans). A differenza di quelle sviluppate per i “gommoni” da formula.

Pirelli d’altro canto, pur concordando sul discorso tecnologico, si limita ad adeguarsi al regolamento senza premere per modifiche. Più di una volta vari responsabili del marchio italiano hanno fatto la battuta: “più è alta la spalla del pneumatico, più è visibile in nostro logo”!

pneumatici ribassati pirelli
Pneumatici da 18″ Pirelli GP2

In ogni caso entrambi hanno fatto più di un test: l’ultimo effettuato proprio da Pirelli su una GP2 con cerchi da 18”: ed i risultati sono stati incoraggianti pur a parità di schema sospensivo.

Un consiglio finale, tornando sulle strade aperte al traffico: oggi è possibile montare cerchi il lega più grandi (omologati NAD) con pneumatici molto più ribassati. Ma non esagerate: le sospensioni sono progettate per livelli di vibrazioni ben precise, e più la spalla della gomma è bassa più aumentano. E ricordiamoci delle buche: è più facile danneggiare pneumatici molto ribassati, per non parlare di costosi cerchi in lega!

 



Articoli Correlati

Fai un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.