fbpx

Le Gomme Bucate aumentano d’estate: Nokian ci spiega perchè

 Le Gomme Bucate aumentano d’estate: Nokian ci spiega perchè

Bucare o danneggiare le gomme è purtroppo sempre possibile, soprattutto viste le condizioni delle strade italiane.

La foratura delle gomme è però più probabile nel caso non si faccia corretta manutenzione degli pneumatici (ne parliamo approfonditamente qui) e d’estate, quando gli automobilisti percorrono molti chilometri per andare in ferie. E bucare in vacanza non è mai bello!

La somma dei due fattori – lunghe percorrenze e cattiva manutenzione degli pneumatici – è sicuramente pericolosa. Oltre che “fuori legge”, e punibile dai tanti controlli presenti sulle strade italiane.

Ricordiamo che per manutenzione non si intende solo il controllo della pressione delle gomme. Ma anche l’usura del battistrada (di almeno 1,6mm di

gomme sgonfie
pressione di gonfiaggio

spessore), il controllo della spalla degli pneumatici e della superficie del battistrada stesso. Anche se normalmente è proprio la pressione troppo bassa a causare problemi. Non solo di usura anomala del battistrada (e relativo maggior consumo di carburante), ma anche alla spalla. La spalla di una gomma sgonfia, nel seguire le irregolarità della strada, può piegarsi sul bordo del cerchio fino a tagliarsi.

Nokian, produttore di pneumatici finlandese, avverte gli automobilisti

Pneuzilla SQ ADV“i danni alle gomme possano verificarsi “In qualsiasi periodo dell’anno, ma di solito sono più frequenti durante la stagione delle vacanze estive. Perché le persone di solito guidano su distanze più lunghe in estate. Le forature sono il genere più comune di danni agli pneumatici. Il rischio non si applica solo a gomme usurate. Anche gli pneumatici nuovi possono incorrere in forature conseguenti all’impatto con oggetti affilati che si conficcano all’interno della scanalatura e spingono attraverso la carcassa. La bassa pressione degli pneumatici causa spesso danni ai fianchi quando lo pneumatico subisce un impatto”.

Aggiungiamo che Nokian Tyres ha affidato all’agenzia Ipsos un sondaggio fra gli utenti europei. Esso ha evidenziato che circa il 40% degli automobilisti in quasi tutti i paesi presi in esame hanno bucato una o due volte negli ultimi 5 anni. Le forature delle gomme sono meno comuni in Germania, dove il 69% degli automobilisti non vi è incappato.

Quindi non è possibile evitare del tutto la foratura delle gomme.

Ma la tecnica può venirci incontro contro la foratura. Nokian ad esempio utilizza della fibra aramidica – tecnologia “Aramid Sidewall” – la stessa utilizzata nei giubbotti antiproiettile. Fornisce addirittura la garanzia Aramid che copre tutti i danni accidentali occorsi ai fianchi degli pneumatici e fornisce un prodotto nuovo e corrispondente a quello danneggiato in cambio.

Qualche promemoria per la corretta manutenzione degli pneumatici:

  • Se la pressione è del 20% più bassa, la durata dello pneumatico si accorcia del 50%.
  • La pressione delle gomme deve essere di circa 0,2-0,3 bar più alta negli pneumatici invernali rispetto a quelli estivi.
  • Si dovrebbe anche aumentare la pressione quando l’auto è molto carica secondo i parametri forniti dalla casa. Se non si aumenta la pressione la spalla dello pneumatico si curverà verso l’esterno rendendola più soggetta a danni.
  • Se la vostra auto non ne fosse dotata pensate ad un sistema TMPS-Tyre Pressure Monitoring System. Le nuove vetture lo montano tutte per legge. Ovviamente bucare rimane possibile, ma questo strumento ci permette di accorgercene immediatamente.

Per finire: nel caso la vostra auto sia dotata di ruota (o ruotino) di scorta, ricordatevi di controllare anche la pressione di quest’ultima. Altrimenti potrebbe non essere molto utile…



Articoli Correlati

Fai un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.